Accesso ai servizi

Venerdì, 29 Luglio 2022

ELEZIONI DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 25 SETTEMBRE 2022


Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Elettorali ha reso noto, con circolare n. 79 del 27 luglio 2022, che nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 169 del 21 luglio sono stati pubblicati i decreti del Presidente della Repubblica dello stesso 21 luglio, con i quali è stato disposto lo scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, la convocazione dei comizi elettorali per il giorno di domenica 25 settembre 2022 e l’assegnazione dei seggi spettanti, rispettivamente, per la Camera dei deputati e per il Senato della Repubblica, alle circoscrizioni elettorali o regioni del territorio nazionale e ai relativi collegi plurinominali, nonché alle ripartizioni della circoscrizione Estero.



 

ELETTORI ESTERO - scadenza 31 luglio 2022 (vedi allegati)


ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO  - scadenza  24 agosto 2022 (vedi allegati ).

Gli elettori che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data del voto, nonché i loro familiari e conviventi, possono richiedere di esprimere il voto per le elezioni politiche per corrispondenza, in linea con il voto degli italiani residenti all’estero.
L'opzione andrà indirizzata direttamente al Comune d'iscrizione nelle liste elettorali entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione, ovvero entro mercoledì 24 agosto 2022.
La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera preferibilmente utilizzando il modello ivi allegato, e necessariamente corredata di copia di un documento d'identità valido dell'elettore, deve in ogni caso contenere l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di legge.
Con riferimento al periodo minimo di almeno tre mesi nel quale ricade la data della consultazione, la domanda potrà anche solo contenere dichiarazione di tale circostanza, anche se l'interessato non si trovi all'estero al momento della domanda stessa, purché il periodo previsto e dichiarato di temporanea residenza comprenda la data stabilita per la votazione. Per i familiari conviventi dei temporaneamente all'estero aventi diritto al voto per corrispondenza la legge non richiede tale periodo.



 


Documenti allegati: